Ho appena letto un articolo di Oliviero Ponte Di Pino su doppiozero, il titolo è “Sorvegliati di tutto il mondo, unitevi!”. A differenza di quanto si trova su Giap, leggendo la miniserie in due puntate, manca la parte del “Che fare?”, cosa fare per difendersi pur continuando a stare in rete. Allo stesso tempo Oliviero Ponte Di Pino fa un’analisi su cosa sono i Big Data e come vengono usati. Di sicuro c’è chi sa cosa siano i Big Data e in che modo vengono usati dalle aziende e dagli Stati. Io non sono poi così ferrato purtroppo, e l’ho trovato interessante anche perché c’è una discreta bibliografia.

La questione su come stare in rete e perché sta diventando molto importante per me. Credo lo debba essere un po’ per tutt*, visto il tempo che trascorriamo in rete e il fatto che le nostre interazioni, i nostri dati, sono roba ghiottissima per aziende come Google, Facebook, Amazon, Microsoft. Non ultimo il fatto che sia la Gamification (ovvero tutte le tecniche di marketing mutuate dai giochi affinché si torni compulsivamente e volontariamente a controllare la time line, ad esempio) che la FOMO (l’ansia di essere tagliati fuori) vanno a condizionare fortemente il nostro modo di vivere e di interagire con gli altri.

Da parte mia continuo a indagare per trovare un modo diverso per stare in rete. Smettere di usare i social network come Twitter, Facebook e Instagram mi sta portando solo benefici, sia per quanto riguarda la gestione delle mie risorse mentali che del mio tempo. Tutto questo l’ho già scritto in un post di qualche giorno fa. Ognun* poi faccia un po’ come meglio crede, ma resta il fatto che siamo presi in una macchina che ci sta sottraendo non solo dati ma anche – temo – qualità di vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

About yamunin

Cittadino del mondo e autore, vivo a Vienna. Attore e drammaturgo dal 1998 al 2015. Nel 2001 con il collettivo teatrale Rossosimona vincemmo il primo premio del “Premio Scenario”. Nel 2009 insieme a Roberta Cortese fondo Satyrikon, associazione teatrale che ha come obiettivo quello di promuovere la drammaturgia contemporanea. Per il teatro ho scritto: Canti dall’inferno – il mare dentro il dolore, coautrice Roberta Cortese, [dai testi di Ramón Sampedro], coprod. Teatro Regio e Ass. Baretti 2007 in coll. con TST, ospite al Festival dei Due Mondi Spoleto Full Metal Kids, produzione Satyrikon 2011 Gerusalemme disvelata – da Torquato Tasso, coautrice Roberta Cortese, commissione CineTeatro Baretti 2008 Tra un impegno teatrale e l’altro ho lavorato anche come postino, venditore, magazziniere, libraio, operaio, cameriere. Da una di queste esperienze è nato Diario di zona (ambientato a Torino dove ho vissuto e lavorato per circa 10 anni), inizialmente pubblicato a puntate sul blog Satyrikon e nel 2014 pubblicato dalla casa editrice Alegre come primo numero della collana Quinto Tipo, diretta da Wu Ming 1. Ho scritto anche racconti e reportage, alcuni li trovate pubblicati su questo blog. Nel 2015 sul numero 184 de “Lo straniero” viene pubblicato Torino-Firenze A/R. Ora lo si può leggere sul blog della collana Quinto tipo. Dal 1987 scatto fotografie. Faccio parte di Alpinismo Molotov. Continuo a scrivere.

Categoria

appunti, prese di posizione